mercoledì 7 marzo 2012

L'ombra della luce

Le serate senza pc sono strane. Guardo il tavolino vuoto e penso a voi "chissà cosa stanno pubblicando i miei blog amici?" Oh, come vorrei mandare una  mail  alla tale..., revisionare un racconto, perdermi con 6 blog aperti sovrapposti, un commento a metà, un nome che mi sfugge perchè non l'ho salvato!

Il tempo si dilata e assume forme inconsuete: guardo l'orologio ed è sempre prima di quanto pensassi.
Ho ripulito 3 cassetti/fogna trovando di tutto e recuperando spazio vitale. Documenti bancari di assicurazioni già riscosse, conti chiusi, garanzie di elettrodomestici ormai in discarica, prescrizioni mediche che ho deciso di non usare (quella mi si è spaccato il cuore a rivederla), ricevute di un corso di pilates di 3 anni fa, polvere, polvere, polvere. Non ho ritrovato la cartina dei mezzi ATM che sono certa di avere, ma ho recuperato il libretto coi locali di Milano, allegato allo smart box che cercavo da tempo.

Ho finito di leggere un libro, di cui vi parlerò presto.
E mi sono strafatta di Battiato, lasciando che la sua melodia mi avvolgesse con le note aggrappate alla gola. Una malinconia greve, quasi bella, ha reso i miei dopo cena un po' Flinstoniani con un sapore di gassosa, caramelle azzurre e rosa di Paperino che nessuno ricorda più, e gesti retrò come tirare giù il finestrino dell'auto con la manovella, pagare la bolletta della SIP e giocare in cortile.

14 commenti:

Robin ha detto...

Sinceramente? Le tue serate alternative mi sembrano molto migliori di quelle passate al pc! :))

Francesca ha detto...

Ogni tanto ci vuole una "revisione" ambientale! un bacio...

Speranza ha detto...

Ciao cara! Sono felice che sia out il computer e non tu. Cominciavo ad agitarmi per te. Buona giornata.

Libby ha detto...

Ci sono cassetti che non apro mai... ho paura di prendermi il tetano. Quanto spazio rubato a cose più sensate! AhahaH!

Isabel ha detto...

Queste serate alternative sono ottime!

El_Gae ha detto...

Per un paio d'anni ho suonato con un tipo che proponeva solo Battiato. Il titolo del tuo post mi ha ricordato i momenti dietro le quinte ad ascoltare la magia suonata da altri. Grazie

MondoLili ha detto...

Ciao Ilaria, mi sono ritrovata a leggere tutto d'un fiato ben 16 post tuoi!! Scusami se nn mi faccio mai viva è che è un periodo un pò pieno... Spero tu stia meglio..
Un baciottone
lidia

Nora* ha detto...

Grandissimo Franco! L'ombra della luce, immensa! Baci -Nora*-

Arianna ha detto...

Anch'io devo imparare a ritagliarmi delle serate senza PC. Alle volte parto bene, mi guardo un film ma poi...ricado fino a tarda notte davanti allo schermo. Sarà un specie di droga? :)

Owl ha detto...

Quel pezzo mi piace tantissimo!
E la chiusura del tuo post mi ha dato quella piacevole stretta allo stomaco di quando riassapori momenti che da tempo credevi persi.
Ora sai che me la vado proprio a riascoltare!

Baci tanti

sorrisone ha detto...

ciao complimenti per il tuo blog molto bello personale e sincero! così spero ti farà piacere sapere che hai vinto il BLOG AWARD BACKLOG! è un premio che restituisce tanta popolarità e basta seguire le regole del premio che sono:
1 ringraziare sul tuo blog chi ti ha nominato per il premio
2 raccontare 7 cose di te sul tuo blog
3 nominare a tua volta 15 blog vincitori e comunicarglielo.

ciao

Robin :D ha detto...

Bella questa immersione nelle atmosfere di Battiato : ha sempre qualcosa di nuovo da dirci!

mafalda ha detto...

Bella questa descrizione un po' malinconica delle serate senza pc.
Se non ci si proietta all'esterno occorre scavare dentro di noi.
Leggo tra le righe della stretta allo stomaco e ti abbraccio.

Baol ha detto...

La cartina dell'ATM che utilizzavo quando vivevo a Milano per me è una specie di reliquia :)