venerdì 22 luglio 2011

Quando il telefono non c'era, ma c'era già Ilaria vostra

Oggi mio cugino Marco, meglio noto al mondo come "cugino preferito" mi ha mandato una mail.
Subito mi è venuto lo stravoltone: non è che mi scriva spesso, anzi.
Ora vi prego non pensate qualcosa tipo "senti Ilaria dei rapporti con tuo cugino non è che ci importi tantissimo, per cui non sentirti obbligata a pubblicare un post al giorno, se proprio non hai nulla da dire lascia anche perdere, che non muore nessuno se sta sera non aggiorni..."
Stay tuned che per me ne esce un bel post.

Dicevo, mio cugino ha commesso un errore, assolutamene non da lui ingegnere fino alle mutande, un tipo un po' svizzero che se pensi a come era da bambino non capisci bene cosa gli sia mai potuto capitare...  ebbene non ha messo gli indirizzi nascosti. Per cui figuratevi se mi perdevo il gusto di sbirciare a chi l'avesse mandata oltre a me, trattandosi di una mail molto spirituale insomma non proprio per tutti i palati.
Ma chi ti vedo? F.M. e mi coglie un trip che manco con l'extasi più pregiata (che ne so poi io di droghe boh).
Perchè quando F.M. era a militare nei gloriosi anni settanta (adoro gli anni ottanta, ma ultimamente mi è partito l'embolo dei seventies, del tipo che mi sono pure comprata il going, quel gioco da spiaggia con una palla ovale e due corde messe a X, uno apriva le braccia, il compagno di fronte le chiudeva e via...sulla battigia) i suoi genitori, vicini di casa dei miei nonni (tanto per intenderci i padroni di casa del cagnolino del celebre mio post "un amico che ho perduto") non avevano il telefono per cui F.M chiamava i miei nonni ad orari prefissati, circa pre-telegiornale, e sua mamma scendeva da noi.
Non-avevano-l'apparecchio-telefonico capite? E adesso lui comunica con la mail.
Ma vi rendete conto del salto tecnologico generazionale?
E, soprattutto, del fatto che io c'ero, c'ero quando non c'era il telefono.
Mi son fatta tutta la generazione: telex, telefax, videoterminale, picci, e marchingegni vari ultra moderni coi quali, si sa, non ho ancora simpatizzato tanto.

http://www.pagine70.com/vmnews/wmview.php?ArtID=41

Ehehhe ho trovato pure il link del going, per i più giovani, e per confermare che grazie alla tecnologia attuale qualsiasi esigenza tu abbia, in internet la puoi soddisfare!

4 commenti:

meli ha detto...

Sei troppo brava! Riesci sempre a catapultarmi in un passato così, a me, caro e pieno di ricordi.

katia ha detto...

Ma che memoria hai?io ho solo qualche anno in meno di te,eppure in qualche modo il cervello me lo devo essere bruciato,perchè io tutte queste cose non me le ricordo.....forse avrei bisogno di allenare la memoria.....
Buona domenica baci Katia

Vittoria A. ha detto...

Ciao, io e la tecnologia da sempre non siamo sulla stessa lunghezza d'onda, mi ritengo abbastanza imbranata. Che memoria che hai, complimenti! :)

annaelle ha detto...

Bhe cara, io classe '75, ma fino alle elementari avevamo un telefono in comune con mia zia che abita al piano di sopra (che poi, in realtà, era quello dell'azienda artigiana di mio padre) e adesso, se mi va, su messenger posso chiacchierare con un amico a Tokio! La tecnologia è una gran cosa se la si usa nel modo giusto!!!