martedì 2 ottobre 2012

Essenza e assenza della maternità

"Tua madre suggerì che mi mettessero a piegare il bucato, perchè così potessi riposarmi. Quando la mia pancia divenne grossa ci appoggiavo sopra le calzine dei lattanti e le piegavo coppia a coppia."

Di questo incredibile romanzo non vi lascerò che una frase, l'avete appena letta. La scena si svolge in un Kibbutz. Queste pagine mi stanno accompagnando sulle seggioline della sala d'aspetto dell'ospedale, dove faccio la fisioterapia, e nel percorso in metropolitana. Un triplo richiamo alla maternità: una donna parla della madre di un'altra, di quando lei era incinta e cita indirettamente molte altre mamme, parlando di neonati. 
Un quarto aggancio è il fantasma della mia mancata maternità, che mi siede accanto ogni giorno, in ogni dove.

Salta, corri, canta!
Lizzie Doron
Editore Giuntina
Traduzione di Anna Linda Callow
169 Pagine

"Non puoi passare tutta la vita a piangere." Mi ha detto mia madre recentemente. Non stavo piangendo.
Le lacrime le riservo per pagine come questa, le lascio sgorgare libere, incurante di chi mi guarda, seduto di
fronte a me, nel vagone.

21 commenti:

towritedown ha detto...

Le lacrime sono un'ottima terapia.
Anche i libri: e questo non lo conoscevo.
Un abbraccio,
Grazia

Gioia ha detto...

mi hai messo una super curiosità

Cinzia Bolognesi ha detto...

Piangi pure, le lacrime rigenerano. Ciò che ha bisogno di uscire lo fa da lì.
Bellissima frase, grazie per il libro.

AdeliaElWakil ha detto...

Mia nonna diceva che piangere fa venire gli occhi belli.
a me si gonfia il naso, duole la testa e gli occhi si gonfiano come un ramarro.
ma è così liberatorio..

grazie

Adelia

raffaella ha detto...

Poetico Sandra, bellissima l'immagine del vagone. Piangi, piangi e fai posto alle risa, poi.
Ti abbraccio, forte, forte.
Raffaella

marimeri ha detto...

Ti vorrei abbracciare...

leparoleverranno ha detto...

Visto l'argomento che tratta questo libro, se piace a te, piacerà anche a me. Segno.
Un abbraccio.
Francesca

P.S. Le lacrime fanno bene, lasciale fluire.

Simona pegliese ha detto...

Oh cara.
Ti stringo.



PS: di questa Autrice ho letto "Giornate tranquille". Leggerò anche questo, sicuramente... grazie.

Marzia ha detto...

Il bello di questi libri è ci trovi dentro quello che ti serve, per tirar fuori.
Lo metto in lista di acquisto. Grazie.

chiara.bc ha detto...

Mah, non amo quelli che si disperano ogni due minuti, mi pare non diano la giusta importanza alle cose.
Ma se una persona ha bisogno di sfogare una frustrazione, un dolore (
o una somma di cose) perchè no???
E' vero, non si può piangere per sempre, ma non si può nemmeno essere sempre forti!

Luna - Pizza Fichi e Zighini ha detto...

Cercavo giusto un libro in cui perdermi e magari seminare per un po' quello stesso tuo fantasma. Che far perdere le proprie tracce a lui non si può, ma imbrogliarlo per un po', giusto il tempo di una lettura e di un sano piantarello specchiandosi in altre storie sì, eccome se si può.
qualche volta anzi ho la certezza che si debba.
grazie per il suggerimento: prendo nota e mi metto in cerca del libro.
Ti mando baci.

Anonimo ha detto...

Un abbraccio fortissimo...
Lidia

mafalda ha detto...

Non volevo scrivere niente, ma un abbraccio non posso non lasciartelo.

Speranza ha detto...

Ma che bella citazione!

un abbraccio

Clara ha detto...

Imparare a convivere coi fantasmi richiede arte e pazienza, e un pizzico di ironia. Ce la farai, ce la faremo. Ti abbraccio con affetto

ely ha detto...

Non lascio segni del mio passaggio spesso, ma leggo i tuoi post sempre volentieri...mi sono segnata il titolo del libro!!!!! Non tipreoccupare...ogni tanto piangere ci libera e fa bene!!! Un abbraccio Elisa

barbara inthesky ha detto...

Anch'io piango quando leggo certi brani... e li rileggo e continuo a piangere... Spesso mi fa bene. Mi svuota.
Vorrei dirti tante cose... Ma non trovo le parole. Ti abbraccio forte.

barbara inthesky ha detto...

Anch'io piango quando leggo certi brani... e li rileggo e continuo a piangere... Spesso mi fa bene. Mi svuota.
Vorrei dirti tante cose... Ma non trovo le parole. Ti abbraccio forte.

missSunshine ha detto...

adoro i libri che parlano al cuore e liberano emozioni... sono qui con te e per te. ora vorrei davvero poterti abbracciare...

Maya980 ha detto...

Quante emozioni possono regalarci le pagine di un libro; ma anche uno sguardo pensante, una lacrima che solca il viso, parole non dette, abbracci accorati...Le frasi fatte, quelle di circostanza, che a nulla servono, le lascio agli altri.Sai quanto io le detesti..Quelle parole che di certo non aiuteranno a dar delle risposte ai mille "perchè". Un solo e forte abbraccio, al momento virtuale, ma un giorno reale, ti lascio qui tra le pagine di questo tuo mondo..
P.s. Ho "incontrato" in uno dei gruppi scrap su facebook la tua gemella e le ho detto di darti un abbraccio da parte mia..

Con affetto.
silvia

kri kriegio ha detto...

Sei stupenda, come sempre! Un abbraccio. Ovviamente, il libro è già stato inserito nella mia lista.