domenica 3 giugno 2012

Baratto di oggetti e di tempo

Mi hanno chiesto di partecipare a un mercatino del baratto. L'invito è arrivato da una conoscente con la quale ho frequentato 3 corsi di scrittura creativa, l'ultimo 2 anni fa. Come spesso accade, nonostante il gruppo fosse piacevole, arguto e stimolante, ci siamo persi di vista. Così sono rimasta sorpresa e ho accettato di buon grado, felice di rivedere Monica. Mi ha accompagnato mio marito e la cosa buffa è stata che quando gli ho chiesto "ma ti ricordi Monica? L'hai conosciuta, bionda, bella, gran sorriso..." lui è caduto letteralmente dal pero, aveva capito che si trattasse di qualcosa nato nella blog sfera, per cui ha detto "ah ma non è una blog amica?"

E' stato divertente scambiarsi di tutto, conoscere gente, chiacchierare, mangiare le cose che avevamo portato da condividere, ritrovare altre due vecchie compagne di corso, tutto in una bella casa con un delizioso giardino in un sabato sconvolto dall'arrivo del papa.
(Scusate se mi ripeto, ma i grupponi di oratori che attraversano la strada senza un minimo di buon senso  e i bus - sempre degli oratori - che passano col rosso mi hanno davvero urtata!)

Tutte le presenti sono (siamo!) stanche dei propri impieghi, del sistema lavoro in caduta libera verso il degrado umano. Una sta per mollare tutto alla volta del Messico, senza lavoro, unico aggancio contatti via web. Non sembrava una sprovveduta, nè una ragazzina, solo una donna senza legami importanti in Italia, che ha deciso di non sottostare ad un sistema malato che spesso non riconosce il valore del singolo, dell'esperienza, della formazione, dell'etica. Come non capirla? E' un lavoro rompere l'anima alla gente proponendo contratti diversi per l'energia, rasentando il raggiro? E' normale avere le aziende piene di pensionati co.co.co (dè!) che dettano legge, ma  quando c'è una grana: "ah non chiedete a me, io sono solo un collaboratore!"

Ho scambiato alcuni gufetti della mia collezione che non volevo più tenere, con un dvd di ScoobyDoo da vedere insieme ai nipoti, un bel bracciale mai usato perché mi è sempre stato largo con una gonna, un foulard con una collana. La ragazza che sta per partire mi ha dato una maglietta senza voler nulla in cambio, ed è pazzesco perché io una magliettina così con quella scollatura e quelle maniche la cercavo da 2 anni, da mettere sotto al mio abito preferito smanicato quando è freddo.  E ancora un libro, un'altra gonna, e due cosine che intendo regalare quindi non ve le dirò. Tutta la merce era in ottimo stato, alcune cose proprio nuove, con la confezione originale, chiaramente regali poco graditi. Ognuno ha i suoi gusti, ciò che non piace a me, potrebbe interessare a te. Semplice. E con questa filosofia mi sono iscritta anche alla banca del tempo. Offro conversazione in inglese e accompagnamento per lo shopping, cerco massaggi, preparazione di cene e di torte.
Io e le altre donne avvertiamo molto l'esigenza di tornare ad una vita meno strutturata, in favore di maggior semplicità, che rappresenta oltretutto anche una forma di risparmio.
Quanto ci siamo circondati di cose inutili per compiacere ad un sistema, nel quale in fondo, non ci riconosciamo (più)?
Se riuscissi a vivere più frugalmente potrei lavorare meno; guadagnerei meno, ma avrei più tempo libero...

16 commenti:

La Donna della Domenica ha detto...

e' quello che sostengo anche io!
Ma in famiglia non incontro grande solidarietà...

Bel post, bell'argomento.

E' sempre un piacere leggerti.

Silvia ha detto...

Wow!!!! Se sei in grado di raggruppare un po' di partecipanti possiamo organizzare una giornata cosi' anche da noi, magari ad agosto.....fara' bel tempo... Ho provato qualche volta ma nel mio giro di conoscenze mi guardano come una marziana.....

sfollicolatamente ha detto...

Che bella cosa i baratti!
Vero verissimo sulla mancanza di investimento nella formazione.
Il ricambio di co.co.co(de' hahahah) non favorisce certo la dedizione alla ditta per cui si lavora,a e nemmeno la produttivita'...
Comunque ieri sera non sono riuscita a scrivertelo ma te lo scrivo ora: il vostro mobile della sala e' stupendo!!

mafalda ha detto...

È vero, si potrebbe ripensare il consumismo e tornare a quando si scendeva a comprare mezzo chilo di zucchero, e il bottegaio te lo dava nella carta da zucchero. Meno sprechi e più tempo, per vivere e pensare.

Cristina C. ha detto...

Sai io ho avuto un responsabile che sostiene che il "male" del mondo sia il denaro. Che se si tornasse al baratto le cose cambierebbero. OK, la sua è una posizione estrema ma il concetto è assolutamente da rivalutare.

Rita ha detto...

anch'io voglio farlo!!!
ma non trovo nessuno... quasi quasi ci riprovo... chissà!
e la banca del tempo è un'idea che mi è sempre piaciuta!

ps. w la repubblica italiana dove c'è la regina scrapperita ahahahahahah

Elena Terenzi ha detto...

Verissimo, niente di più vero. Purtroppo ci fermiamo poco a pensare a questo. Ho partecipato ad alcuni mercatini di scambio e sono sempre esperienze divertenti e che aiutano a riflettere...

mamma mia ha detto...

bellissima iniziativa!trovo che i baratti funzionino sempre!

leparoleverranno ha detto...

Lo chiamano downshifting... tempo fa ho letto "Adesso basta" di Simone Perotti, che voglia di mollar tutto dopo. Cosa mi blocca? Ti dico una sola parola: mutuo...

Starsdancer ha detto...

"Se riuscissi a vivere più frugalmente potrei lavorare meno; guadagnerei meno, ma avrei più tempo libero.."
mi piace questa idea, lo farei anch'io, si vivrebbe meglio e decisamente più sereni.
Mi piace tantissimo l'idea del baratto e della banca del tempo, magari ci fosse anche qui, ma potrebbe essere un'idea per creare qualcosa di nuovo.
Io ho deciso di fare downshift però rimarrò qui, mio marito ha il lavoro qui e con due bambini da crescere mi sono rotta di stare appresso a un lavoro finto per un'improbabile carriera futura :)

towritedown ha detto...

Ciao Ilaria,

piace tantissimo anche a me barattare (non per niente ho fatto un barteraway:-)

Conosci il sito www.zerorelativo.it?
Sono certa che ti divertiresti un sacco anche lì: a me da sempre tantissima soddisfazione...se ti serve una guida sono qui!

A proposito di barteraway, U got a @

See U later

Grazia

Libby ha detto...

Ciao tesoro, questo è un argomento che mi tocca da vicino. Odio il mio lavoro e non ti sto dicendo una cosa nuova no? Ecco, spesso ho pensato anche io di rinunciare a molte comodità e quindi ad avere magari più soldi, per un sostanziale guadagno di tempo da dedicare alla mia casa e a mio marito. Io e lui stiamo valutando molte cose, perchè io possa richiedere la riduzione d'orario, per cominciare, e dedicarmi attivamente a qualcosa che mi piace di più e che magari mi dà modo di guadagnare, col tempo. Che è sempre il tempo che ci manca. Non sono mai stata una col desiderio di fare carriera, proprio non m'interessa, vorrei solo stare bene.

Jenisha VolareLiberi ha detto...

Mi sbalordiscono sempre di piu' i tuoi post Ilaria sono di una semplicita' toccabile, sei bella sei una bella persona..:-)Notte teso crollo a dormicchiare...che sveglio piccola tra poco medicine e pappa e ninna tutti:-) Baci ad Emanuele.

chiara.bc ha detto...

Parole sante!!!
Io sono una grande sostenitrice del baratto, vorrei che si organizzassero dei mercatini dove tu vai e metti lì quello che non usi più o che non hai mai usato, e lo scambi. ma qui la mia voce cade nel vuoto... mi danno della pazza :-(
Idem con i prodotti della terra... perchè non scambiare le mie zucchine con le tue melanzane se entrambi ne abbiamo in abbondanza?
Si è persa la voglia di condividere, purtroppo, e si cerca solo di guadagnarci (in tutti i sensi).
Lo sai vero cosa sto per chiedere???
Foto foto foto dei tuoi "baratti" :-)

ClaudiaC ha detto...

Bella la filosofia del baratto, qui da queste parti siamo riusciti ad organizzarne un paio, all'inizio magari non arrivano tante persone ma poi pian piano il gruppo cresce, fa sempre piacere! E poi è vero, riesci spesso a trovare una cosa che magari sono anni che cerchi e invece...toh è proprio lì davanti ai tuoi occhi!
Io adoro anche i baratti hobbistico-artistici, tipo lo scambio di materiali mai usati, un tuo libro (eheh) in cambio di un mio lavoro di feltro....insomma queste cose qui!
smack!
p.s. dimenticavo: stupenda la owl collection! io ne ho soprattutto sotto forma di ciondoli e orecchini
ClaudiaC

missSunshine ha detto...

Sai che proprio ieri sera stavo guardando con mio marito un servizio sul baratto, che sta coinvolgendo sempre più persone! ne sono rimasta affascinata, perchè credo che in questi tempi difficili liberarsi delle cose inutilizzate, e ricevere in cambio qualcosa di più utile sia un ottimo modo per ottimizzare i propri averi,senza sprechi! ;-)
...corsi e ricorsi storici!
smack amica!*