venerdì 3 giugno 2011

l'Incontro con l'oceano a Pointe de la Torche

Che portento la natura! Pensare che chiede solo di essere rispettata e in cambio offre spettacoli che l'opera dell'uomo difficilmente è in grado di eguagliare.
Cascate, tramonti, arcobaleni, monti innevati sono solo le prime parole a tema "natura" che  mi vengono in mente.

Seguimmo la rotta lunga la costa da Quimpere a Perros Guirec in quella terra incredibile che è la Bretagna, decidendo di fare tappa laddove la cartina indicava la presenza di una spiaggia, contrassegnata dalla figura di un ombrellone.
Nel parcheggio si incontravano sempre i camper, e immaginavo una vacanza ancora più libera della nostra, che avevamo l'esigenza di raggiungere ogni sera un hotel differente, già prenotato dall'Italia.
Ogni volta con l'emozione della scoperta di un posto nuovo, e la nostalgia per quello che ci stavamo lasciando alle spalle.
Finistère, una provincia ricca di fari,  punte scoscese e frastagliate, dove il fenomeno della marea racconta ogni sera una storia diversa, dove ad ogni chilometro il sole tramonta un po' dopo in un'esplosione arancione e rosa che infuoca il cielo e getta il sole nel mare, dove alle 23 è ancora chiaro e ti gusti il panorama mentre ceni sempre più tardi.

La sabbia si solleva ai nostri passi,  la suola di corda delle scarpe affonda con placidi sbuffi.
Un piccolo promontorio impedisce la visuale,  l'incontro con l'oceano avviene all'improvviso, e colpisce come una forte luce in fondo ad un tunnel.
La fauna ornitologica qui è variegata; ovunque è uno sbattito d'ali intorno a me, mentre corro verso la riva, assaporando ogni istante di quel momento, inprigionandolo nel cuore, tentando di non dimenticarlo.
E sono nell'oceano, le scarpe buttate accanto ad un ciuffo d'erba. Qualcuno fa surf, qualcuno addirittura nuota. L'acqua è gelida, sembra impossibile in una giornata tanto soleggiata e calda, il cielo ha un colore che non ho mai visto altrove e l'emozione mi spezza le parole in gola.

E penso che la vita a volte è tanto bella da farti male. E che ora sto morendo di malinconia e voglia di tornare!

5 commenti:

pasita ha detto...

che bella pagina.mi è sembrato di essere nel posto che descrivi. Brava.

Costantino ha detto...

Non sono mai stato in Bretagna,
quella foto cosi "immensa"per il suo panorama seza fine,mi fa capire che non andarci è stata una grave lacuna.

Fr@nz ha detto...

Anch'io, anch'io ci sono stata, non nello stesso posto preciso, mi sa, ma in Bretagna si, che spettacolo! Avremmo voluto anche fare il bagno, ma era troppo freddo, un vento...pensa che era il nostro viaggio di nozze!
Baci, Fra♥

E va bene così... ha detto...

sarà che ho una gran voglia di BRETAGNA...ma quel che hai scritto mi ha catapultata con la mente là... Ele

Anna ha detto...

ciao Ilaria, torno ora da un we di riposo post intervento e mi accoccolo sul divano gustandomi la tua lettura come fosse un cioccolatino...

p.s ma per il tuo problema anonimo sui commenti, hai provato a cambiare browser? che cosa usi? perchè a me è capitata la stessa cosa con IE l'altro giorno. mi faceva commentare solo in anonimo, mentre con chrome è andato tutto a posto!