venerdì 26 agosto 2011

Elaborare (di tzunami e temporali forse in arrivo)

Questo post si colloca perfettamente a metà strada tra quello sul ridimensionamento datato 1^ agosto
e quello sulla morte dei nostri cari del 3 luglio.
Potete (ri)leggerli per creare un insieme emozionale, ma anche no!

Pensavo da tempo che nella vita capita di affrontare un ridimensionamento talmente lacerante da poter essere paragonato ad un lutto e quindi come tale vada trattato.
Sto parlando di potare rami fondamentali della nostra esistenza. Immaginate una coppia che divorzia, un figlio che si trasferisce dall'altra parte del globo, la perdita del lavoro, dover abbandonare gli studi a causa di problemi economici, nonostante gli ottimi risultati.
Spesso la parola ridimensionamento fa rima con separazione, perdita.
Naturalmente non mi riferisco ad aspettative campate per aria, pretenziose e totalmente sproporzionate rispetto al nostro essere. Intendo profusione di impegno ed energie in progetti concreti, non sogni colorati di rosa caramellato.
Sto parlando di bruschi ed inaspettati tzunami che si abbattono sulle nostre vite in maniera del tutto imprevedibile, o con un margine di previsione talmente irrisorio per cui l'attrezzatura che abbiamo in dotazione per affrontarli risulta inadeguata.

E allora scavi,  scavi dentro di te in cerca di risorse.

E ti guardi in giro, in cerca di mani tese.

E aspetti che il tempo faccia il suo lavoro, che l'elaborazione si compia, senza assecondare le solite voci di chi ti dice di non andare in crisi. Ma, in fondo, perchè non dovresti andarci?

Vedo da lontano un grosso temporale, ne sento l'odore. Potrebbe dissolversi senza arrivare a me.
Intanto io preparo l'equipaggiamento, just in case, infilo anche il blog nello zainetto/generi di conforto.
Se l'uragano verrà io saprò difendermi.

PS- Forse la bolla africana che ha flagellato questa strana estate al contrario (a proposito è ufficiale è più afoso a Milano che a Roma!!) si sta allentando. Nell'attesa di un temporale all'orizzonte vi auguro un buon week end, io devo assolutamente sistemare la casa trascurata nell'ultima settimana. Al posto di pulire ho pattinato tantissimo tra i blog, in cerca di fresco. Mi capita ancora di non riuscire a commentare, per cui se non mi trovate tra i commenti sappiate che io c'ero, silenziosa ma presente.

15 commenti:

Valentina ha detto...

Bel post.. ti ringrazio del passaggio anche io sono silenziosa a volte..(per la fretta!)ma adesso mo prendo un pò di tempo per me prima che ricominnci lo tzunami ...lavorativo.besos

Brighela71 ha detto...

Che bel POST!!
Il mio temporale è sceso intorno alle 13, ha fatto disastro. Come sempre raccolgo i pezzi dopo la tempesta..ma ormai avendoli numerati tutti, faccio anche in fretta a rimettermi insieme...Tati.

ILA ha detto...

Uffu, ma io li vorrei proprio tanto, i tuoi commenti.......
:(

Anto Io ha detto...

...e chi ti dice di non andare in crisi??? Falla sta maledetta crisi....sfoga la rabbia, il dolore e poi un bel respiro profondo ed affronta la vita a testa alta e spalle indietro...con coraggio, perché tu ne hai, anche quando ti senti piccola e indifesa...le risorse le abbiamo,...solo che a volte non le vediamo...
Un abbraccio
Antonella
P.S...se ti va, e hai voglia di scrivere...lo facciamo...per mail!

Speranza ha detto...

umm. Le crisi ci fanno tanto male, ci fanno paura, però alla fine ci fanno anche bene. Confucio ha parlato!

le Fate del feltro ha detto...

ciao cara, anche io avevo problemi a commentare (utilizzando internet explorer non veniva riconosciuto il mio account)....con mozilla ho risolto i miei problemi!! scusa la fretta ma sono al mare.. baci

ps. ti chiederai cosa faccio al pc..siamo in camera perchè il mio fidanzato non sta bene..mannaggia!!

fata pinella

Nora ha detto...

A me pare di vivere dentro ad uno tzunami da quattro anni, anche se con intervalli di bonaccia d'incommensurabile bellezza. Però hai ragione tu, nel frattempo ho imparato a fare provviste e l'equipaggiamento è di tutto rispetto. Se il temporale dovesse arrivare, sarò qui con te ad aspettare che passi.
Un abbraccio!

ElizabethB ha detto...

Adesso dirò una banalità, ma i temporali dopo lasciano aria profumata, frizzante e limpida. E noi siamo più forti di quanto crediamo. Un abbraccio!

Clara ha detto...

cara, lo tsumani mi sfiorò nel dicembre 2004, ero in India a sud, e mi cominciarono ad arrivare sms allarmanti, anche dalla Farnesina che cercava di recuperare info dagli italiani residenti in India... e lo tsumani è poi arrivato emotivamente, tante piccole volte, e anche qualche grande volta. E ogni volta ci si prepara, col petto in fuori, con le mani sui fianchi e gli occhi spalancati. E ogni volta cadiamo, ma poi ci rialziamo, ci scrolliamo di dosso le lacrime e ricominciamo a navigare a vista. Non temere, sii positiva. Se l'onda è troppo alta, tu cavalcala lo stesso, e ti avvicinerai ogni volta di più al cielo. E ricorda che c'è sempre una fune che posso lanciarti :-)
un abbraccio
c.

Stefy ha detto...

Anch'io spesso leggo e non commento... mi dispiace perchè forse a volte un "sono passata" basterebbe... :) devo impegnarmi di più! Mi auguro che il temporale passi e lasci un bell'arcobaleno!

MondoLili ha detto...

E' vero, tutti consigliano di non andare in crisi.. (anche io spesso lo dico!!) però è vero. Spesso la crisi serve per superare i momenti brutti...perchè vuol dire che ci si è "scavati" dentro...
Attendo il temporale...(quello ambientale ovviamente!!)
bacio lili

Paola ha detto...

Ciao! Finalmente sono tornata e mi sono subito messa a leggere tutti i blog! Il tuo post è bellissimo..

chiara.bc ha detto...

Giusto prepararsi, portare ombrello e impermeabile (e magari anche un canotto gonfiabile, non si sa mai), ma non perdere magari dei brevi raggi di sole, immagazzinali per i momenti bui.
P.S. non mi sono dimenticata di te, la risposta arriva, solo che hai sollevato il coperchio del vaso di pandora e ora ho mille emozioni da riorganizzare per poter fare un discorso sensato.

sfollicolatamente ha detto...

Ahi, grande solidarieta' - qui lo tsunami imperversa da settimane ormai, spero che da te non sia arrivato...E non vedo l'ora di incontrarci presto prestissimooooo :-)) Take care darlin'

pollywantsacracker ha detto...

ma sai, io purtroppo ne ho passate tante, tanto che senza il mio periodico tsunami mi sento disorientata...però "nel chiudersi un fiore al tramonto si rigenera".
ce la si può fare.
Baci.