lunedì 8 agosto 2011

Agosto in ufficio

Io in ufficio non ho il picci. Ho un video terminale in pietra. Non sto scherzando.
E' capitato di tutto: clienti che cercano disperatamente una fessura dove inserire la chiavetta usb coi dati, io che cerco il mouse illudendomi di poter fare copia incolla. Non va.
Niente internet, mail, cose così.
I clienti non capiscono, io meno di loro.
Penso sia un modello fuori norma, di certo è fuori tempo.
Io nella vera vita, quella che trascende il blog, mi occupo di adempimenti fiscali nell'ambito dell'unione europea. Una roba piuttosto seria. Ho centinaia di clienti che si fidano ciecamente delle mie prestazioni, che mi chiamano se hanno un guaio con l'Agenzia delle Entrate. Io glielo risolvo (quasi) sempre.
Ma non ho un picci.
In ufficio ci sono 2 picci per 7 persone. E' una corsa all'accaparramento che manco con le tessere annonarie durante la guerra.
Io ogni tanto se scorgo un picci libero, evento assai raro, faccio un salto tipo canguro con le molle ben oliate e mi ci fiondo: guardo un po' i blog e tento di aggiornare il mio. Non è facile, visto che le foto sono su quello di casa.
Ad agosto il telefono non squilla quasi mai. La voglia di evadere dal video terminale sgrauso e navigare col picci serio è quasi pari a quella di navigare in acque lontane.
Ma la mia situazione non cambia. Mi hanno detto per l'ennesima volta che presto avrò un picci tutto mio.
Ho risposto che quando lo vedrò finalmente sulla mia scrivania, mi ubriacherò all'istante.
Non sarà diverso dal mio stato ogni volta che qualche collega festeggia il compleanno.
Non passa un tubo sta giornata in ufficio.

9 commenti:

Robin ha detto...

Non dovrei lamentarmi, dato che ho un pc tutto per me e l'ufficio semideserto (quindi posso navigare liberamente in internet, come si evince chiaramente dalla mia presenta insolitamente costante sul blog :D)
Però questa giornata non passa un cavolo neanche per me...

Clara ha detto...

Coraggio, cara, passerà anche questa giornata :-)

Laura ha detto...

Ma come mai mi affascina cosi tanto questo modo di scrivere picci?!?!
Adorabile (come teeee!).
Laura@RicevereconStile

le Fate del feltro ha detto...

forza cara ilaria..tra poco sarai in valle :) speriamo col bel tempo!! bacii

Rita ha detto...

ilaria... io non ho neanche il picci!!!!!
ci credi che se devo scrivere una relazione di servizio la devo scrivere a mano in stampatello (sennò potrebbe non capire!) o portarla a casa e riportarla il giorno dopo????
ci sono un paio di picci negli uffici... ma niente internet (tranne che per il collegameno con il Ministero!)
che tristezza... soprattutto il turno di notte sarebbe una pacchia ;)

Silvia ha detto...

Io in ufficio sono messa meglio, ma non mi è consentito l'accesso alla casella di mail personale.
A casa ho una connessione penosa e ieri manco funzionava Virgilio Mail.
Sai cosa ho deciso? Mi faccio l'i-phone!
Baci. Silvia, Sr

Lisa ha detto...

Al lavoro anche io ho lo stesso problema, ci sono solo un paio di pc coi quali navigare liberamente in rete, ma vengono sempre occupati dalle stesse persone (che poi li proteggono con la pw in modo che nessun altro possa usarli per quel giorno)..ma al lavoro! ora che sono sempre a casa non devo dividere il mac (del maritino) nemmeno con lui ;) e la giornata mi passa in un attimo (ma stando a casa posso sfruttare il tempo come mi pare...)

Maya980 ha detto...

ciao Ilaria, grazie per il commento al mio blog...E' un periodo super incasinato a lavoro e alcune creazioni da consegnare...Insomma,la mia vita è un caos...
Spero di tornare presto ad aggiornare il blog...
Un bacione

MondoLili ha detto...

Forza ilaria..tien duro..chissà che questo piccì arrivi..o che magari chiedi se puoi portartelo da casa!!